Warning: Illegal string offset 'css_section' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 294

Warning: Illegal string offset 'css_elem' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 295

Warning: Illegal string offset 'option_group' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 296

Warning: Illegal string offset 'std_id' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 298

Warning: Illegal string offset 'section_id' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 299

Warning: Illegal string offset 'placeholder_new' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 301

Warning: Illegal string offset 'choices' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 305

Warning: Illegal string offset 'placeholder_new' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 306

Warning: Illegal string offset 'desc' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 307

Warning: Illegal string offset 'section' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 337

Warning: Illegal string offset 'field' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 338

Warning: Illegal string offset 'setting_defaults' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 338

Warning: Illegal string offset 'option_group' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 340

Warning: Illegal string offset 'choice_new' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 342

Warning: Illegal string offset 'placeholder' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 343

Warning: Illegal string offset 'section_id' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 344

Warning: Illegal string offset 'option_group' in /web/htdocs/www.liberamentebari.com/home/wp-content/themes/Incorporate/functions.php on line 347

Crescita Personale & Life Coach: le convinzioni limitanti, cosa sono e come nascono.

Da bambini viviamo il quotidiano come la più bella avventura del mondo. Siamo attratti da tutto e tutti ed esploriamo il mondo nel quale siamo immersi alla ricerca di risposte alla nostra curiosità. Facciamo quindi esperienza delle cose e quell’esperienza si stampa a fuoco nella nostra “testa” insieme a parole, frasi e rimproveri dei “giganti” con i quali condividiamo quel mondo.

Questo insieme di esperienze e frasi registrate va a creare il nostro sistema di credenze attraverso il quale filtriamo il modo di guardare l’universo nel quale siamo immersi e noi stessi.

Il modo in cui decidiamo di reagire ad un problema che la vita ci pone davanti ed, in generale, i nostri comportamenti, sono il prodotto delle nostre convinzioni.

Buddha diceva: “noi siamo quello che pensiamo”.

Ed è proprio cosi. Se ad esempio pensiamo che “qualsiasi cosa faccio continuo a sbagliare”, probabilmente cercheremo di evitare di iniziare un nuovo progetto, fosse anche mettersi ai fornelli per preparare una deliziosa cenetta per il nostro (o la nostra) partner. Cosa succederebbe se invece pensassimo di noi stessi: “basta impegnarmi e riesco in tutto quel che faccio” ? Probabilmente accetteremmo di buon grado di metterci alla prova cimentandoci in nuove “sfide” senza preoccuparci troppo del fallimento eventuale e, qualora dovessimo non riuscire, ci diremmo semplicemente: “non mi sono impegnato abbastanza, la prossima volta farò molto meglio”.

Credo che possiamo trarre tranquillamente le nostre conclusioni. Tra le due convinzioni, la prima è sicuramente limitante mentre possiamo definire la seconda potenziante.

La domanda che molti di voi si staranno ponendo a questo punto potrebbe essere: ma come nascono le convinzioni limitanti?

La loro origine è da ricercarsi in quei pensieri che abbiamo creato noi stessi in risposta ad un evento o situazione esterna e che, per motivi diversi, si sono ripetuti in maniera ridondante nella nostra testa per un certo periodo di tempo sino ad andarsi a consolidare in una convinzione limitante. Altre credenze vanno a registrarsi nel nostro sistema a causa di frasi che ci sono state ripetute costantemente da genitori, insegnanti ecc…Spesso infatti, gli adulti hanno la cattiva (anzi cattivissima) tendenza a dare un giudizio di valore non semplicemente sul comportamento “negativo”, ma sulla persona, andando ad agire ad un livello più profondo dell’identità. Ad alcuni di noi potrebbe essere capitato da piccoli di aver rotto il proprio giocattolo preferito e di essere sgridati con una frase del tipo: “tu rompi sempre tutto, non sai tenere niente”o qualcosa di simile.  Probabilmente mantra è ancora li che risuona nella nostra testa anche trent’anni dopo, quando siamo grandi e vaccinati e, perchè no, sposati e con un figlio tutto nostro da accudire; forse, nostro malgrado, accettiamo anche l’idea di essere maldestri e non meritare di avere “giocattoli” nuovi.

Pensateci. Quante volte avete sentito dire a voi o ad un vostro amico che la scuola non fa per voi, che non troverete mai un fidanzato/a con il vostro carattere, che nella vita non combinerete mai niente con la testa che vi ritrovate (gli esempi possono continuare all’infinito).

La cosa peggiore?

Che probabilmente facciamo di tutto per confermare, con i nostri comportamenti, queste convinzioni…

Negli incontri di coaching smantellare e riprogrammare il sistema di credenze limitanti attraverso l’utilizzo di diverse tecniche come il “linguaggio di precisione” (metamodello) è la strtegia migliore che ogni buon coach attua per aiutare la persona ad esprimere le proprie potenzialità e raggiungere i propri obiettivi sbarazzandosi della zavorra di tali convinzioni.

A presto,

Antonio.

 

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Theme Tweaker by Unreal